Addio a Bonaria Manca, l’«artista pastora» della vita contadina

Addio a Bonaria Manca, l’«artista pastora» della vita contadina

17 Ottobre 2020 Off Di giornalenuovaimmagine


Artista autodidatta, negli anni aveva trasformato il suo appartamento di Tuscania, nella Tuscia laziale, in un piccolo museo, La Casa dei Simboli (che il Mibact aveva inserito tra le case-museo): Bonaria Manca, scomparsa a 95 anni (era nata a Orune, Nuoro, il 10 luglio 1925), su quelle pareti dipinte a mano aveva raffigurato il suo mondo: scene di vita contadina, il mare, le lavandaie al fiume, e poi animali (capre, pecore) , personaggi religiosi e surreali, figure al confine tra realt e fantasia. Dalla Sardegna alla Tuscia l’imperturbabile e fuori dal tempo Bonaria Manca — ha ricordato Vittorio Sgarbi — ci ha lasciato, nei dipinti e sulle pareti della sua casa, il sogno di un mondo da lei vissuto e da noi perduto vivendolo per noi e trasferendolo nella pittura. Per questo le saremo per sempre riconoscenti.

Bonaria Manca (1925-2020)Attraversare le stanze di quella sua Casa dei simboli si rivela cos un viaggio dall’infanzia trascorsa nella natia Orune, in Sardegna, fino a Tuscania, dove si era trasferita nel 1957. Le opere dell’artista pastora, come era soprannominata, sono state esposte a Roma, Torino, Viterbo, Cagliari, Parigi, Lione, Ginevra, Marsiglia, Salonicco… Nel 2000 era stata nominata ambasciatrice dell’Unesco; nel 2015 le era stato dedicato il documentario L’Isola di Bonaria di Jo Lattari per la regia di Luigi Simone Veneziano.

Un particolare della Casa dei simboli a TuscaniaDi lei lo scrittore e cineasta francese Jean-Marie Drot, a lungo direttore dell’Accademia di Francia a Roma, aveva detto: La cosa che mi piace nella opera di Bonaria il fatto che quasi niente ci viene dalla testa, ma tutto viene dal cuore. Per me la sua una pittura cosmica. La casa di Bonaria, in una certa maniera unica forse in tutta Italia. Avere un quadro di Bonaria come avere un talismano, un portafortuna in un mondo di solitudine, di aprire subito una finestra su un domani, un futuro che sar pieno di luce!.

17 ottobre 2020 (modifica il 17 ottobre 2020 | 21:00)

© RIPRODUZIONE RISERVATA